Il mio primo tatuaggio

Decidere di tatuarmi non è stato difficile, più che altro l’attesa è stata lunga perché non sono mai stata convinta del soggetto – disegno o scritta che fosse -.
Non mi andava di scegliere una farfalla, una stella o una rosa e tatuarmela su una chiappa come se fosse un accessorio buttato lì, sulla pelle e sul mio corpo.

Quando ho letto quella frase, la prima volta, ho subito capito che in un certo senso era a me che stava parlando.
Quel verso parlava di me, con me.
E così non ho più avuto dubbi. Doveva essere il mio primo tatuaggio.




« « Umbria: visita alle cantine, pranzo di porcini e cena di tartufo (sembra la ricetta per una pozione magica…e infatti lo è!) | Il mio grazie personale » »

2 Comments

  1. è bello, discreto. non come quelli di cui parlavo io: http://lisbonachiamaitalia.blogspot.com/2011/10/brutti-tattoo.html
    e poi ha un significato per te. ma che frase è? curiosa..

    • Ci sono solo poche persone che conoscono il significato di questa frase. E’ una cosa molto intima che non vorrei diffondere. I’m sorry! :)

Leave a Reply