Tenuta privata San Settimio, a tu per tu con la parte più vera di te

Introduzione a questo post

Colline San SettimioAlla tenuta di San Settimio si arriva risalendo le colline morbide e pulite delle Marche, verdi e senza troppe villette a schiera.
Ricoperte di vigneti o semplicemente verdi, e morbide.
Quelle colline che per me sono casa, a cui sono radicata come il marinaio è devoto al mare e come l’alpino è fedele alla montagna.

Una strada scorrevole ma non veloce, una sorta di anticamera alla dimensione che ti aspetta.
Un downshifting obbligato, per rallentare fino al ritmo della tenuta, quello delle stagioni, del giorno e della notte.

Agriturismo-Tenuta-San-SettimioUn albergo diffuso è dormire in piccole o grandi strutture già esistenti, non pensate e realizzate per l’accoglienza turistica, ma costruite decenni – a volte secoli – fa, semplicemente per viverci.
Un albergo diffuso è vivere una casa e tutto il suo contesto, attorno,
che può essere un grazioso borgo oppure – nel mio caso – quattrocento ettari di tenuta privata, ricoperti di boschi, sentieri e antichi casali in pietra.

Qui la natura è protagonista assoluta, insieme a quella parte di te che più o meno consapevolmente hai deciso di portare fin qua, a lasciarsi curare dalla premura e le attenzioni di un gruppo di vecchi amici.
Marina, Maurizio, Vincenzo, insieme a tutti gli altri che vivono e lavorano a San Settimio, sono di quelle persone che danno l’impressione di sentirsi al loro posto, a fare quello che amano fare. Che sia accogliere gli ospiti, servirli in sala, curare i giardini o guidare un fuoristrada in mezzo al fango.
A San Settimio anche le occupazioni più semplici sembrano vissute con la serenità di una vocazione, così che tutto appare perfetto, nella sua naturalezza.

Casa Paradiso e Casa del Pane formano un casolare che si trova su una piccola altura, un prato grande, curato alla perfezione, che termina in un terrazzo naturale, con una piscina azzurra affacciata su di una splendida vallata.
Entrando a Casa Paradiso, la frescura che ti accoglie è quella dei muri spessi delle case di campagna, non di mattoni ma sassi.
Legno e pietra, binomio perfetto dell’insediamento umano che nulla crea e nulla distrugge.

Tutto è al suo posto anche dentro, mentre prendi confidenza con un letto altissimo dal cuscino soffice e guardi fuori da una piccola finestra, l’umidità che vela di grigio una natura comunque bella, che non si lascia incupire neppure dalla pioggia.
Perché anche la pioggia fa parte del tutto. E non c’è scritto da nessuna parte che se piove quando sei in vacanza allora non va bene.

Centro Benessere Tenuta San Settimio Spa Tenuta San Settimio Centro Benessere Riserva San Settimio

Un pomeriggio al centro benessere, per ritrovare il giusto respiro, in sauna, e un nuovo vigore con la doccia svedese, e finire poi a mollo nell’idromassaggio, ammirando il verde, fuori di là dal vetro.

Escursione fuoristrada San SettimioDopo essersi un attimo ripresi dal torpore che ti lasciano addosso sauna e bagno turco, si parte alla scoperta della tenuta.
Lasciamo i quad parcheggiati e usciamo in fuoristrada, ad esplorare ottanta ettari di boschi, campi, sentieri e meraviglie.
Maurizio è un insegnante di guida in fuori strada, una persona appassionata che ha scoperto la bellezza di vivere di quello che ama.
Queste persone quando ti parlano riescono a coinvolgerti anche solo con il loro entusiasmo, anche se non sai di cosa parlano.
Saliscendi da montagne russe e buche alte come fossati, fango e vegetazione lussureggiante, selvatica, che ti avvolge tutto attorno e nasconde dietro ogni curva uno scorcio sempre nuovo.

Cena nel verde - Tenuta San SettimioAlla tenuta di San Settimio c’è un angolo segreto, un angolo che, se deciderete di scoprirlo, sarà impossibile dimenticare.
Un piccolo rifugio in mezzo al bosco, nascosto tra le acacie, dove è possibile cenare accanto al camino, oppure, nelle serate più miti, attorno a un tavolo ricavato da un grande carro, illuminati dalla luce di un falò.
Una cena della “Mami” preparata con amore, che al momento – purtroppo – posso solo sognare e immaginare.
E dopo aver gironzolato qua e là per la tenuta, scoprendone diversi sterrati e i casolari sparsi, il nostro tour bucolico si conclude su di una cima da cui si ammira una splendida vallata.
Aperitivo al tramonto San SettimioUn cestino da picnic spunta dal fuoristrada, stappiamo una bottiglia di vino bianco e continuiamo a chiacchierare come se ci conoscessimo da anni, amabilmente, fino a che il sole non tramonta e si fa ora di rientrare.

E dopo una passeggiata come questa, capace di riempirti di energia, la nostra esperienza potrebbe anche ritenersi conclusa – e soddisfacente – ma no, non sarà così.
Il ristorante della Tenuta San Settimio è una splendida struttura in legno che ricorda i lodge africani, quelli sperduti nella savana a tu per tu con la forza della natura, dove la ricercatezza si sposa sempre senza invadenza al contesto che la circonda.
Vincenzo, il maître, è un’altra persona appassionata e coivolgente, che con un fortissimo accento anconetano ci racconta delle sue vacanze giovanili in Riviera e ci coccola con un servizio curato e gioioso.
Un buon vino rosso, un antipasto di salumi e verdure, due tagliate dalla cottura perfettamente al sangue.

ristorante San Settimio

Ci sono situazioni, come questa, in cui è facile tirare fuori il meglio di sé. O dovrei dire ‘il vero di sé’, perchè quando sei circondato di bellezza ma ti senti a casa, e quando hai con te una persona veramente speciale, allora puoi davvero essere te stesso e aprire il cuore.
Potrei ora scrivere dell’amicizia e di Valentina, questa persona che la vita mi ha fatto incontrare per farmi sentire un po’ meno diversa dal resto del mondo.
Mentre fuori piove parliamo di tutto quello che può passarci per la testa, il passato, che a volte brucia ancora, l’amore per i nostri uomini, la passione per il nostro lavoro e, soprattutto, la gioia di essere qui ed ora.
Ecco cosa ci lega di più: l’entusiasmo. La capacità di stupirsi, appassionarsi, non dare nulla per scontato. E la capacità di essere grate.

San Settimio

E’ questo che ti lascia San Settimio, la pace di una giornata che finisce con la consapevolezza che non avresti potuto fare di meglio, semplicemente essendo te stesso, come forse non lo eri mai stato.

Grazie a Valentina Gattei per alcune foto




« « Introduzione al viaggio a San Settimio. Ovvero: storia di una rinascita | Ecco perché scrivo » »

1 Comment

  1. Vietato farmi commuovere così!
    Grazie Sara, credo di aver letto in questo post una delle frasi più belle che qualcuno mi abbia mai detto in tutta la vita.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Un anno di progetti, un anno di viaggi, un anno d’amore | Travelgum il Blog di viaggio Sara Paolucci. E ancora, ricette, letture e sciapità - [...] e la terza con gli amici, esplorazioni underground, nottate senza fine e risate indimenticabili. San Settimio alla scoperta di …

Leave a Reply