La morte non era con lui. Doveva essere passata da un’altra strada

“Giaceva immobile e la morte non era con lui. Doveva essere passata da un’altra strada. La morte pedalava in bicicletta, si muoveva silenziosa sul selciato.”
Ernest Hemingway, Le nevi del Chilimangiaro

Me ne avevano parlato, ma come sempre non senti odori né sapori nel sentito dire.

Arriva un giorno in cui ogni essere umano prende coscienza della morte, del fatto che esiste e prima o poi arriverà anche per lui. Non c’è scampo, né alla morte né a questa presa di coscienza, se si vive abbastanza a lungo per maturarla”.

A me è successo oggi tornando a casa da lavoro, da una giornata come un’altra: un’auto sulla corsia opposta ha terminato un sorpasso dietro la curva che stavo per imbucare.
Non è stato uno spavento, non siamo arrivati così vicini e no, non è stato per un pelo.
Ma io ho visto l’immagine di ciò che poteva succedere e ne ho sentito l’odore; per la prima volta nella mia vita o sentito questa caducità.

Certo ci insegnano che l’anima è eterna, e io lo credo. Lo so.

Ma ogni cellula del corpo ha vissuto il terrore, il peso dell’attaccamento, la fugacità di questa materia che è fatta di peso e di paura. L’ho sentita vicina la morte, l’ho vista negli occhi mentre mi lasciava andare.
Aveva ragione Chiara, che quel momento è inequivocabile e non puoi non riconoscerlo.

Ho continuato a guidare con una smorfia che non riusciva a trasformarsi in pianto, senza che le lacrime potessero scendere.
Arrivata nel rettilineo che regala il paesaggio a me più caro ho accostato l’auto e mi sono fermata a guardare i profili dei campi, il cielo velato di una patina che non era foschia, no, era magia.
Dall’altro lato della strada, tra la colza e l’erba medica, un falco planava.

L’ho osservato per qualche minuto immobile.
Era bellissimo.
Inconsapevole di quanto possa essere illusorio il suo volo, ignaro di come sia eterna la scintilla che lo muove.

Sul mio cruscotto un origami: “L’ho fatto per te, è una gru. Dicono che allunghi la vita di mille anni“.




« « Caro duemilasedici… | D’Amore, di morte e della città eterna » »

2 Comments

  1. Vorrei lasciarti un commento sensato, invece mi viene solo da dirti che ti abbraccio forte <3

Leave a Reply